Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

friuli boccale-di-birra homeC'era una volta la Birra Moretti, nata proprio a Udine nel 1859, la Dormisch di Resiutta del 1881 e la Dreher, che aprì a Trieste nel 1865: la vocazione del Friuli Venezia Giulia alla produzione di birra ha origini antiche ed evoca nomi che sono stati portati alla ribalta della scena internazionale. È forse per questo che in Friuli Venezia Giulia è rimasto un forte attaccamento a questo prodotto, grazie a piccoli birrifici artigianali sparsi in tutta la regione. Dalla produzione di birra nell'area montana, in cui primeggiano le erbe spontanee, fino a quella prodotta sulla costa, erede di una tradizione centenaria, il viaggio alla scoperta delle birre regionali tocca l'intero territorio.

In Carnia è dal Parco naturale delle Dolomiti friulane che provengono alcuni degli ingredienti delle birre di Foglie d'erba, piccolo birrificio con sede a Forni di Sopra che, dopo aver vinto il premio come miglior birra dell'anno nel 2010, da pochi mesi ha aperto un nuovo spazio dove è possibile acquistare le bottiglie o degustarle in loco. A breve distanza si raggiunge Sauris, dove il gusto affumicato non caratterizza solo l'omonimo prosciutto, ma anche una birra: da non perdere però anche le versioni chiara Pilsen, rossa Vienna e Canapa.

 

friuli moretti-vecchia-fabbrica

Sempre restando nella zona montana, è d'obbligo una visita alla ghiacciaia di Resiutta, nel cuore del Parco naturale delle Prealpi Giulie: qui imprenditori asburgici iniziarono a produrre birra già nell'800, sfruttando le ottime acque del torrente Resia, e successivamente la ghiacciaia diventò fondamentale complemento dello stabilimento Dormisch che la utilizzò per la fermentazione. A Resiutta la produzione di birre artigianali continua ancora oggi, mentre poco distante, a Coccau, è nata la prima birra locale della Valcanale, a chilometro zero attraverso l'utilizzo di piante aromatiche e officinali del luogo.

friuli cassa-di-birra-dreher
Spostandosi sulla costa, a Trieste, sul Carso e a Muggia, c'è un proliferare di piccole produzioni artigianali e alcune di queste hanno nomi speciali che si ispirano alla bora, il forte vento che soffia su Trieste.
Poco lontano dal mare, a Paradiso di Pocenia, invece, non si poteva che produrre una birra con il riso: dal colore giallo paglierino e con poca schiuma, ha un sapore delicato e contiene i più pregiati oligoelementi del riso.
Infine, anche nel pordenonese, non mancano nicchie produttive tutte da scoprire: da quelle di Cavasso Nuovo, aromatizzate con frutta e fiori, passando per quella di Caneva, prodotta con l'acqua che sgorga dal Fiume Livenza, fino a quella di Travesio, che nasce dall'unione dell'acqua pura della pedemontana, luppolo e malto.