Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

cucina giappo2La sublime arte del Washoku. Il piacere del buon cibo aumenta il valore di qualunque viaggio e in Giappone convivono numerose tradizioni culinarie deliziose. Alcune sono ben conosciute in Occidente, altre invece, attendono solo di essere scoperte.  È questo il caso del “Washoku”, una delle pochissime cucine riconosciute dall’UNESCO come Patrimonio culturale immateriale del mondo e segreto della longevità dei giapponesi.

 

La parola “Washoku” letteralmente significa ‘cibo giapponese’ ma racchiude in sé un significato speciale, evocato dal “kanji” “wa”, che vuol dire anche armonia. Ed è questo l’aggettivo che meglio descrive oltre quattrocento  anni di tradizione culinaria basata sulla bontà degli ingredienti, sulla valenza estetica della pietanza e sulla ritualità del pasto. Tutto ruota intorno al rispetto della natura e all’alternanza delle stagioni, i cui prodotti vengono intagliati e accostati come fossero opere d’arte. Gli ingredienti, siano essi vegetali, frutti o pesci, sono raccolti o pescati nel loro miglior momento stagionale, chiamato “shun”. Solo così ogni elemento potrà infondere al piatto il massimo del sapore e della fragranza.

cucina giappo4

Il “Washoku” raggiunge le vette più sublimi con il “kaiseki”, un insieme di ricette, abilità e tecniche culinarie. Si distinguono essenzialmente due rami di questa tradizione, ovvero il “kaiseki-ryori” e il “cha-kaiseki”. Il primo termine si riferisce al pasto offerto dai samurai ai propri ospiti, mentre il secondo al banchetto antecedente alla cerimonia del tè. In entrambi i casi la struttura del banchetto era composta da una zuppa, una portata principale, due contorni e una ciotola di riso, anche se oggi si è evoluta molto ed è possibile gustare, nei ristoranti di lusso e nei “ryokan” sparsi in tutto il Giappone, numerose portate preparate secondo questa tradizione.  

Manifestazione di questa costante ricerca della perfezione, dell’armonia e della buona salute è il “shojin ryori”, la dieta dei monaci buddisti. Attraverso ricette basate esclusivamente sul tofu, riso e sulle verdure, gli asceti purificano il proprio corpo e la propria anima. Sul Monte Koya è possibile dormire nei templi (“shukubo”) ed essere ammessi alla tavola degli anacoreti per gustare questi delicati piatti dal sapore inconfondibile.

cucina giappo7

Fondamentale in ogni pasto preparato secondo la tradizione del Washoku è il “dashi”, un consommè di pesce usato come ingrediente base per ogni zuppa e come elemento liquido di tantissime portate. Convivialità e ingredienti di stagione sono gli elementi cardine sia della tradizione sia del “nabemono”, uno degli stili di più famosi della cucina giapponese: in una grande pentola il “dashi” viene tenuto in caldo con una piastra elettrica e i commensali vi intingono diversi ingredienti per poi accompagnarli con tofu e verdure fresche. Il tutto mentre si chiacchiera con gli amici e con la famiglia in armonia.
Per completare la vostra esperienza sul “Washoku”, una volta nella terra del Sol Levate, potrete scoprirne i segreti sul campo grazie ai corsi organizzati dalle molte scuole di cucina nipponiche.