Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

Dopo il canonico anno di pausa torna Slow Fish. Arrivato alla sesta edizione si presenta in una veste completamente nuova, iniziando dalla location: a partire da giovedì 9 e fino a domenica 12 maggio il Porto Antico di Genova, un luogo di storia, cultura e tradizione, caro ai genovesi ma molto frequentato anche da turisti italiani e di tutto il mondo sarà il teatro della manifestazione dedicata al mondo ittico e agli ecosistemi acquatici organizzata da Slow Food e Regione Liguria, in collaborazione con Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

Si tratterà di un appuntamento imperdibile per tutti, per le scuole e per le famiglie, una manifestazione da visitare, da vivere e da assaporare attraverso il percorso di appuntamenti che da sempre contraddistinguono le iniziative di Slow Food: aree di degustazione e ristorazione, enoteca, cene a tema,

Partecipando ai percorsi didattici chiunque potrà imparare a distinguere le specie meno note e i trucchi per scegliere i pesci giusti in pescheria, mentre imbarcandosi su un peschereccio si potranno scoprire, con gli stessi pescatori, i segreti per conservare al meglio il frutto della loro pesca. Cuochi e docenti Master of Food di comprovata esperienza, saranno a disposizione per permettere di fare pratica di sfilettatura e realizzare brodetti di pesce, non sbagliare una frittura e insaporire ogni preparazione in una vera e propria Scuola di cucina.

Ci saranno alcune sorprese, come il Bistrot dell’Alleanza e la versione innovativa dei Teatri del Gusto che qui, con Fish & Chef, farà il debutto, che contribuiranno a rendere Slow Fish anche e soprattutto un momento di festa.


l mare di tutti è il tema su cui Slow Food ha scelto di puntare i riflettori: parlare del mare, una risorsa preziosa e di cui l’uomo deve prendersi cura, infatti, significa parlare ance delle persone e del modo in cui si comportano anche a terra.

Tra le bancarelle del Mercato si troverà pesce fresco e conservato, olio, spezie, sale, alghe e derivati e sarà possibile conoscere i Presìdi del mare, esempi concreti di come i pescatori possano trovare il giusto equilibrio tra la necessità di svolgere le loro attività tradizionali e la tutela del delicato e prezioso ambiente in cui lavorano.

Fish & Chef proporrà un bancone rettangolare con 25 posti a sedere e una cucina a vista dove si alterneranno 16 tra i più grandi nomi della ristorazione italiana e internazionale. Preparazione del piatto e degustazione si fondono insieme, portando lo chef in mezzo ai commensali e la sua performance live davanti ai loro occhi.


Dall’Italia parteciperanno grando nomi del calibro di: Moreno Cedroni, Luca Collami, Gennaro Esposito, Vittorio Fusari, Paolo Masieri, Ivano Ricchebono, Davide Scabin, Luigi Taglienti, Antonio Terzano, Peppino Tinari, Luciano Zazzeri.

Saranno inoltre presenti anche Angel Léon dalla Spagna, Christophe Dufau e Gaël Orieux dalla Francia, Sasu Laukonnen dalla Finlandia e Yoji Tokujoshi dal Giappone.

Sempre presenti i Laboratori dell’acqua, momenti d’informazione e approfondimento, e le Cucine di strada, per scoprire le specialità gastronomiche dei diversi territori. Uno spazio speciale in cui accomodarsi per gustare piatti a base di pesci locali e di stagione è il Bistrot dell’Alleanza, dove protagonisti sono i cuochi che in tutto il mondo si impegnano a proteggere la biodiversità promuovendo i prodotti dei Presìdi nei loro menù.