Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

logorinascimentodelcolleSabato 8 e domenica 9 giugno, due giorni di rievocazione storica e allegria per tutte le età nella parte alta della città.  “Il Rinascimento di Colle” torna protagonista a Colle di Val d’Elsa in un grande spettacolo a cielo aperto, fra storia e divertimento. Artisti di strada, duelli, mercati, taverne, spazi per bambini e tanto altro. Sabato 8 giugno corteo storico per ricordare l’acquisizione del titolo di città, nel giugno 1592.

 

“Il Rinascimento di Colle” torna ad animare con una suggestiva rievocazione storica e un grande spettacolo a cielo aperto il cuore più antico di Colle di Val d’Elsa, centro in provincia di Siena conosciuto come “città del cristallo”, attraversato dalla Via Francigena e luogo natale dell’architetto Arnolfo di Cambio. L’appuntamento è per sabato 8 e domenica 9 giugno, dalle ore 17 alla mezzanotte, con un ricco programma di spettacoli nelle vie e nelle piazze del borgo che sovrasta la parte più moderna della città. La festa, giunta alla sua terza edizione, sarà un vero e proprio tuffo nel passato della città: accanto ad artisti di strada, giullari, musici, giocolieri, saltimbanchi, cantastorie e falconieri, ci sarà spazio per rivivere l’atmosfera rinascimentale passeggiando per le vie del borgo e incontrando i tanti figuranti in costume, visitando l’accampamento militare, assistendo ai duelli in piazza e agli spettacoli itineranti e riscoprendo i sapori tipici del territorio nelle taverne all’aperto, allestite per l’occasione. Nella prima giornata, sabato 8 giugno, alle ore 21, la città rivivrà, con un ricco corteo storico, l’insediamento del primo Vescovo, Usimbardo Usimbardi e il conferimento del titolo di Città che seguì la bolla di Papa Clemente VIII, in cui il Pontefice riconobbe la presenza di una diocesi a Colle di Val d’Elsa. A sfilare per le vie di Castello, saranno, oltre al Vescovo, rappresentanti delle istituzioni civili, militari e religiose di allora, accanto a nobili e popolani.

Tutti “attori” dello spettacolo a cielo aperto. La due giorni - organizzata e promossa sotto la direzione artistica del Cers, Consorzio europeo rievocazioni storiche con il patrocinio del Comune di Colle di Val d’Elsa - coinvolgerà tante associazioni della città, che, ancora una volta e con grande entusiasmo, porteranno il loro contributo nel riproporre antichi mestieri dell'epoca; nell’allestire e animare i mercati e le taverne e nell’arricchire il programma della manifestazione con performance e animazione al fianco dei numerosi artisti professionisti presenti. Uno spettacolo a cielo aperto, quindi, che renderà “attore” e protagonista chiunque sarà presente e vorrà scoprire o riscoprire Colle di Val d'Elsa, la sua parte alta e la storia locale, all’insegna dell’allegria e del divertimento per tutte le età. “Il Rinascimento di Colle” sarà anche una festa “a misura di bambino”, con uno spazio riservato ai più piccoli con giochi dell’epoca e laboratori didattici.

rinascimentomercato

La vita rinascimentale e gli antichi sapori. Lo scenario di rievocazione storica sarà arricchito dal presidio militare e da artigiani, antiche botteghe e mestieri medievali e rinascimentali che popoleranno le vie di Castello, accanto alla riproduzione di un mercato dell’epoca. L’età rinascimentale sarà protagonista anche a tavola, nelle taverne allestite nelle piazze e nei ristoranti del borgo, dove si potranno gustare, serviti da personale in costume, vino speziato e antiche ricette, accanto a piatti tipici della tradizione povera toscana.

Scoprire il territorio e le sue eccellenze storiche e culturali. “Il Rinascimento di Colle” non sarà solo una rievocazione storica, ma anche un'opportunità per conoscere il territorio e il suo patrimonio artistico, culturale ed enogastronomico, oltre ai prodotti di eccellenza in campo artigianale, a partire dal cristallo. A Colle di Val d’Elsa, infatti, viene prodotto il 95% del cristallo italiano e il 15% di quello mondiale e il borgo di Castello ospita un laboratorio permanente nel Vicolo della Misericordia, a due passi dal Duomo, dove sarà possibile assistere, anche sabato 8 e domenica 9 giugno, alla lavorazione dal vivo, a caldo e a freddo, con ingresso libero. Suggeriamo anche una visita al Bastione di Sapia, dedicato alla figura di Sapia Salvani, citata da Dante Alighieri nel XIII Canto del Purgatorio; al piccolo ma suggestivo Teatro dei Varii, che nel corso della sua storia fu anche ospedale lungo la Via Francigena, e al Baluardo, bastione medievale che domina Colle bassa e dove arriva l’impianto “Risalita Il Baluardo”, funzionale collegamento fra le due parti della città.

rinascimentoGiullari 2

Aspettare e vivere “Il Rinascimento di Colle”, anche sui social network. Per aspettare e vivere pienamente la festa, sarà possibile tenersi costantemente aggiornati sulla pagina Facebook dell’evento, Il Rinascimento di Colle, dove saranno presentati il programma e i protagonisti della due giorni di rievocazione storica. Durante la manifestazione, poi, la pagina sarà aggiornata con video e foto dei protagonisti “catturate” nelle strade e nelle piazze del borgo. La pagina del social network dedicata della Festa sarà, così, una finestra e una piazza aperte sull’evento, dove chiunque potrà curiosare e scoprire la sua magica atmosfera, chiedere informazioni, commentare i post e condividere foto e video.

Informazioni. Il costo del biglietto di ingresso è di 9 euro, 6 euro il ridotto (valido anche per i residenti a Colle di Val d’Elsa). Ingresso gratuito per i bambini di età inferiore ai 12 anni. La manifestazione fa parte anche del “Via Francigena Collective Project” - organizzato dall’Associazione “Civita” e dall’Associazione Europea delle Vie Francigene e promosso in Toscana da ATVF, Associazione Toscana Vie Francigene.