Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

africanonesiste“Un continente grande come Cina, India, Europa, Usa, Messico e Giappone messi insieme,  una distesa di Paesi, etnie, lingue, culture diverse, per noi è solo una parola: Africa”.
L’Africa è un luogo comune più che un luogo geografico, che non significa nulla, ed evoca vaghe immagini: miseria e denutrizione, guerra e violenza o al limite, nei casi più felici, danze e folklore. Questa Africa non esiste. Esistono invece le architetture dell’Asmara con la loro persistente eco sabauda, il piccolo cinema dei rifugiati nel cuore del Ciad, la lingerie sexy nelle vetrine del Cairo, la capanna di Geoffrey, ex bambino soldato ugandese, e della sua sposa rapita Nighty, le nottate nei jazz club della Swinging Addis.

Ed esiste il lavoro dei volontari, molti dei quali italiani, che da anni portano verso Sud competenza ed entusiasmo, e vengono ripagati in fatica e bellezza. Gianni Biondillo racconta in questo libro la sua Africa, quella che ha potuto scoprire in cinque viaggi al seguito di organizzazioni umanitarie o da semplice cronista. Tra Eritrea, Ciad, Egitto, Uganda ed Etiopia, la sua esplorazione restituisce, di quel vasto continente, un’immagine viva, ripulita dall’opacità degli stereotipi, che fa i conti con i nostri pregiudizi e li ribalta in sapori, colori, incontri. E nostalgia. 

Gianni Biondillo è nato nel 1966 a Milano, dove vive. Fa parte della redazione di «Nazione Indiana». Presso Guanda sono usciti i romanzi Per cosa si uccide (2004), Con la morte nel cuore (2005), Per sempre giovane (2006), Il giovane sbirro (2007), Nel nome del padre (2009), I materiali del killer (2011), Cronaca di un suicidio (2013), Nelle mani di Dio (2014) e la favola ecologica Il mio amico Asdrubale (2013). Sempre per Guanda, Biondillo ha pubblicato la raccolta di saggi Metropoli per principianti (2008) e la raccolta di racconti Strane storie (2012); ha curato l’antologia di racconti Pene d’amore (2008); ha scritto con Severino Colombo Manuale di sopravvivenza del padre contemporaneo (2008) e con Michele Monina Tangenziali (2010).