Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

mura di rabatRabat raccoglie uno dei più alti riconoscimenti: la città è stata infatti iscritta nella lista dei luoghi Patrimonio mondiale Unesco. L'occasione è dunque d'oro per organizzare un viaggio in Marocco, partendo proprio dalla scoperta di Rabat, che ben esprime il connubio del suo passato arabo-musulmano e l'attuale propensione a proiettarsi verso un modernismo sempre più evidente.

Rabat è la capitale del Marocco. Conta 550.000 abitanti e si trova sulla costa dell’Oceano Atlantico tra Casablanca e Tangeri. E’ collegata alla città di Salè mediante il ponte Hassan II, costituendo un agglomerato che supera di più del doppio gli abitanti della sola Rabat. E’ attraversata dal fiume Bou Regreg e gode di un clima dolce; ciò ne fa una città turistica molto ben vivibile anche da chi non è abituato ai climi torridi che caratterizzano gran parte del Marocco.

E’ una città fortezza, la sua architettura conserva quelle sembianze; ha infatti assecondato negli anni, le diverse tradizioni di tante civiltà che vi si sono stabilite. Solo nel XIX secolo, quando i Francesi portarono, a seguito della loro colonizzazione, numerose risorse, Rabat è diventata quella città moderna che oggi possiamo ammirare; evolutasi negli anni, essa conserva ancora i tesori architettonici e tradizionali delle diverse civiltà che si sono succedute.

La città vecchia, cioè la medina, conserva le tracce delle fortezze andaluse, fenicie e berbere, mentre intorno sorgono palazzi amministrativi luccicanti di fasto e circondati da lussureggianti parchi, in cui le piante esotiche fanno da cornice ad un agglomerato che unisce sapientemente odori antichi e tecnologie moderne.

Salè è praticamente il sobborgo di Rabat, molto meno lussuosa, chiamate “terra dei subordinati”. Lì ci vivono gli artigiani e i ranghi esclusi delle cariche di quadri amministrativi. Molto più economica per quanto riguarda le spese quotidiane soprattutto alimentari, sta diventando il luogo che i turisti raggiungono più facilmente.

Per chi volesse approfondire la conoscenza di altri luoghi meravigliosi del Marocco, si potrebbe pensare all'organizzare un tour tra gli altri siti Patrimonio dell'Umanità Unesco in questo paese: la piazza Jemaâ El Fna di Marrakech; la Kasbah Aït Ben Haddou; il sito archeologico di Volubilis; le medine di Fès, di Marrakech, di Tétouan e di Essaouira; le città di Meknès e di Mazagan El Jadida.