Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

indonesia bambole bali-shadow-theater-wayangWayang è il termine con cui in Indonesia si descrivono sia le caratteristiche marionette, che lo stesso genere teatrale ove vengono impiegate. Inizialmente questo complesso metodo di narrazione fu esclusivo delle corti reali di Giava e Bali le cui prime testimonianze risalgono al 930 dC. Solo dopo molti secoli il Wayang iniziò a diffondersi sulle altre isole, evolvendosi e integrando gli stili e la musica di ciascun luogo ove approdava quest’arte.

Rispecchiando la grandissima varietà di gruppi etnici indonesiani, oggi anche le marionette hanno un’incredibile proposta di dimensioni, forma e stili, ma sono due i tipi che prevalgono principalmente: le marionette tridimensionali, anche conosciute come wayang klitik o golèk, e quelle piatte, solitamente in cuoio impiegate nelle performance di teatro delle ombre, che hanno il nome di wayang kulit.

indonesia bambole

L’animazione di queste straordinarie opere per mano del burattinaio (il dalang), avviene tramite bastoncini collegati a braccia e gambe dei personaggi, mentre musicisti e cantanti eseguono dal vivo complesse melodie, usando gli strumenti tipici delle orchestre gamelan: metallofoni, xilofoni, tamburi e gong. Sappiate che ciascun complesso di strumenti è creato ed accordato per suonare esclusivamente in quello specifico gamelan e strumenti di gamelan diversi non sono intercambiabili!

Indonesia bambole Wayan

Un tempo i maestri burattinai erano considerati raffinati detentori di un’arte unica ed erano colti letterati in grado di trasmettere importanti valori morali ed estetici. Il repertorio e le tecniche di realizzazione delle marionette, così come le musiche, venivano tramandate oralmente e gelosamente di padre in figlio e i maestri burattinai dovevano imparare a memoria una grandissima quantità di storie, incaricati di restare fedeli alle narrazioni tradizionali, ma cercando anche di reinterpretarle in maniera innovativa. Il contenuto delle parole e delle azioni dei personaggi erano creati anche allo scopo di offrire uno sguardo critico sulla situazione politica e della società del tempo, conferendo un’ulteriore importanza sociale a quest’arte. Nel corso dei secoli personaggi delle storie wayang, hanno acquisito personaggi dai miti locali, dalle epopee indiane e dai racconti persiani, dimostrando una volta di più quale melting pot di culture sia l’Indonesia.