Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

giappone home Festival-di-HinamatsuriEvento tradizionale dal profondo significato, il festival di Hinamatsuri si celebra ogni anno in Giappone a partire dal 3 di Marzo. Durante la festa si realizzano bambole chiamate hina-ningyo e si prega perché le ragazze possano crescere sane. Il festival di Hinamatsuri è anche una iniziativa in onore della primavera: si inizia a preparare l’evento proprio nel primo giorno della nuova stagione: il giorno di Risshun, 4 febbraio, per poi proseguire con il 3 di marzo.

 

Durante il festival di Hinamatsuri vengono preparate pietanze tradizionali: hishimochi, tortine di riso a forma di diamante in tre differenti colori; hina-arare, crackers dolci di riso.

giappone home hinamatsuri

E poi ancora: ama-zake, una bevanda di riso dolce fermentato; hamaguri no osuimono, un’ottima zuppa di vongole, e anche chirashi-zushi, il riso sushi dalle differenti e deliziose farciture.

giappone hina-matsuri-3

Storia
Questa celebrazione risale all'incirca alla metà del VII secolo, durante il periodo Heian ed era fondato sulla credenza che le bambole avessero il potere di contenere gli spiriti malvagi e le malattie corporali. Essa trae le sue radici dall'antico cerimoniale dell'hina-nagashi (letteralmente "bambola fluttuante"), durante il quale alcune bambole di paglia venivano posate lungo il corso di un fiume affinché portassero via con sé gli spiriti maligni ed i cattivi auguri.
Poiché le bambole finivano spesso nelle reti dei pescatori, ora le bambole vengono recuperate e poi bruciate nel tempio anziché essere lasciate libere di andare verso il mare.

giapone cibo Mochi-033web

Cibi tipici
La bevanda tradizionale di questa festività è l'amazake, una versione analcolica del sakè ottenuta dalla fermentazione del riso. Insieme all'amazake si mangiano degli arare, dei salatini di riso, spesso conditi con salsa di soia. Per l'Hinamatsuri si prepara un dolce detto hishimochi, costituito da tre strati di riso: uno verde, simbolo della terra; uno bianco, simbolo della neve; uno rosa, simbolo dei fiori di pesco. Insieme questi tre strati indicano la primavera, quando la neve si scioglie, l'erba cresce e germogliano i fiori di pesco.

giappone cibo1

Le bambole tradizionali
Le bambole, che rappresentano la corte imperiale del periodo Heian, vengono disposte su una piattaforma a gradini detta hina dan  coperta da un telo rosso con una striscia arcobaleno in fondo che prende il nome di hi-mōsen, mentre il set delle bambole decorative viene detto hina-ningyō.

giappone Hina matsuri display

La piattaforma è costituita da sette gradini. Nel primo si collocano le bambole che rappresentano l'imperatore e l'imperatrice. Solitamente dietro di loro viene posto un piccolo paravento dorato; possono esserci anche due lanterne di carta o seta poste sui lati. Possono esserci anche degli accessori per separare l'imperatore dall'imperatrice, ad esempio due piccoli vasi. Originariamente l'imperatore era a destra mentre ora si colloca sul lato sinistro.

Nel secondo gradino ci sono tre dame di corte separate da due piccoli tavolini rotondi con sopra un dolce di stagione, escluso l'hishimochi.

Nel terzo gradino si trovano cinque musicisti posizionati in base allo strumento; da destra verso sinistra sono collocati: un suonatore con un piccolo tamburo seduto, un suonatore con un tamburo grande in piedi, un altro suonatore di percussioni in piedi, un suonatore di flauto seduto e infine un cantante seduto.

giappone 2 hina-matsuri-dolls-1

Nel quarto gradino ci sono due ministri; il più giovane è posto sulla destra, il più anziano sulla sinistra. A volte sono dotati di arco e frecce. Tra le due figure sono posti due tavolini.

Nel quinto gradino ci sono tre samurai, che proteggono l'imperatore e l'imperatrice e portano in mano un rastrello, una paletta e una scopa. Le loro espressioni rappresentano pianto, riso e rabbia.

Nel sesto gradino ci sono gli oggetti che la corte usa all'interno del palazzo, mentre nel settimo quelli che usa quando è lontana dal palazzo.