Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

spagna-peregrinaggio elrocioEl Rocío, la festa degli andalusi. È una delle feste che si vive con più intensità in Spagna. Si tratta di un'esperienza imperdibile, per religiosi e non. Più di un milione di persone e quasi un centinaio di confraternite partecipano alla magnifica festa di questo pellegrinaggio alla località del Rocío.  Questo evento, che unisce religione e festa, si svolge cinquanta giorni dopo la conclusione della Settimana Santa. Centinaia di migliaia di persone provenienti da ogni parte della Spagna e anche dall'estero, accorrono ogni anno per partecipare al pellegrinaggio al santuario della Blanca Paloma, situato nella località del Rocío, a 17 chilometri da Almonte (Huelva).

Una lunga carovana di carrozze con il telo colorato a mezzaluna si muove lentamente sul camino di Moguer, una strada sterrata di Huelva, la provincia più occidentale di Andalusia. Sui carri bardati a festa siedono donne con gonne a pois e i capelli raccolti mentre gli uomini cavalcano indossando sombreros, pantaloni di cuoio e camicie bianche su corte giacche nere.

spagna peregrinaggio elrocio-macarena-camino-2

Il percorso è tradizionalmente effettuato a cavallo, su un carro o a piedi, indossando l'abito flamenco tipico. Durante il giorno le confraternite avanzano allegramente intonando canti e versi, mentre la sera si accampano all'aperto intorno a un falò organizzando divertenti feste per cantare, ballare, mangiare e bere fino alle prime luci dell'alba. Ci sono quattro itinerari principali: il cammino di Sanlúcar, che attraversa il Parco Nazionale di Doñana ed è percorso da coloro che provengono da Cadice; il cammino di Llanos, che proviene da Almonte ed è il più antico; il cammino di Moguer, percorso da coloro che provengono da Huelva; il cammino sivigliano, seguito generalmente dalle confraternite che provengono dal resto della Spagna o da altre parti del mondo.
Creano così un fiume interminabile di persone, uomini e donne di ogni età e di ogni estrazione sociale: zingari, contadini, nobili, artisti, intellettuali, semplici curiosi, tutti andalusi, di nascita e di adozione, e si riuniscono davanti alla chiesa di un minuscolo villaggio di montagna, El Rocío, per venerare la Paloma Blanca, Vergine e signora di Andalusia. 

I pellegrini si accampano e attendono l'arrivo delle altre confraternite, poi sfilano per presentarsi con il simpecado (lo stendardo della confraternita) davanti alla Madonna, accompagnati dal suono delle campane. Si celebrano le funzioni religiose e di notte i partecipanti vegliano in attesa del momento più emozionante del fine settimana: il "salto de la verja", quando la gente di Almonte salta il cancello che cinge l'altare per portare la Madonna fuori dall'eremo e condurla in spalla attraverso la città il lunedì mattina. Al termine della processione le confraternite intraprendono il cammino di ritorno pensando già al pellegrinaggio dell'anno successivo.

spagna-peregrinaggio elrocio3

L'origine di questo imponente pellegrinaggio si perde nella notte dei tempi e nelle leggende raccontate dalla gente. Documenti storici riportano l'inizio al 1270, quando Alfonso X, re di Castiglia, fece costruire un eremo in una delle sue tenute di caccia nel bosco della Rocina, nei dintorni di Almonte e vi fece portare una preziosa scultura della Vergine Maria, Santa María de las Rocinas, che cacciatori e contadini veneravano come protettrice.

spagna Pellegrinaggio-el-Rocío

Tra le leggende che circolano sul Rocío la più popolare riguarda un giovane pastore che trovò sotto una quercia nel bosco di La Racina una statuetta della Vergine Maria. La prese con sé e si incamminò verso Almonte, ma durante il viaggio la statua sparì. La trovò, dopo molte ricerche, nel luogo dove l'aveva scoperta la prima volta. La notizia di questo strano episodio si diffuse tra la gente che da allora cominciò a venerarla come la regina dei boschi e la Signora di Andalusia. Da tutta la regione accorrevano credenti in pellegrinaggio al santuario di Almonte per pregare la statuetta. Erano tantissimi e perlopiù disorganizzati; così nacque tra i pellegrini l'idea di creare dei gruppi o confraternite (Hermandades), che preparassero in ogni dettaglio la romería, il pellegrinaggio. Con gli anni e la benedizione dei vescovi di Huelva e di Madrid le confraternite si diffusero in tutta la regione e poi in tutto il Paese e persino all'estero.

 

    Data: Dal 2-giu-2017 al 5-giu-2017
    Luogo: Almonte (Huelva. Andalusia)